manuale per Lightroom

Benedetto

GURU
Registrato
10 Febbraio 2016
Messaggi
3.864
Località
Chioggia
Corpo macchina
Nikon D7200
Sesso
Maschio
410lY+YB5CL._SX389_BO1,204,203,200_.jpg

Ero indeciso se pubblicare questa "recensione" qui o su cultura fotografica, ma essendo principalmente un libro che và ad approfondire un programma di sviluppo fotografico ho preferito inserirlo qui.

Il libro in questione è Lightroom Classic CC per la fotografia digitale scritto da Scott Kelby (eh si mi sono deciso di acquistarlo:)).

Partiamo dal formato praticamente un A4 di 478 pagine, copertina flessibile che poi che sia flessibile o rigida poco importa, l'essenza in questo caso sono i contenuti. Da evidenziare la carta delle pagine interne (a mio avviso) di una qualità pessima visto che sono pari pari come la carta di una qualsiasi rivista che si trova in edicola (e non come i libri di Freeman e chi li ha sà cosa intendo).

A parte l'introduzione classica di Scott con almeno un paio di pagine dedicate ai ringraziamenti, il libro dà moltissimo spazio all'archiviazione degli scatti indicato nel I° capitolo come "Libreria", una carrellata di ben 125 pagine dedicate all'importazione, catalogazione e immagazzinamento degli scatti effettuati passando per le varie fasi di verifica, e organizzazione (che a mio avviso anche se è una parte che ho praticamente saltato ma che ritornerò quanto prima visto il casino:Dche ho negli HHD) spiegando nei minimi dettagli come intervenire in maniera (non mi viene il termine ma "pulita") la catalogazione degli stessi.

Il secondo capitolo è quello che mi interessava approfondire cioè "sviluppo".

In questa sezione di ben186 pagine dedicate a sviscerare nei più reconditi anfratti tutte le funzionalità di Lightroom Classic CC (lo ribadisco perchè di Lightroom ne esistono varie versioni e questa anche se non è più giovanissima (l'uscita risale al 2018) che però essendo la versione in mio possesso ho deciso (dopo varie sperimentazioni e tutorial via youtube) di approfondire, visto anche le "entusiastiche" valutazioni presenti in rete, ma ritornando al capitolo sviluppo, come dicevo alcune funzioni le conoscevo già, ma Scott tocca aspetti che effettivamente non conoscevo in quanto lui prende in mano ogni singola funzione e ne rivela tutte le potenzialità.

Unico pregio sono le immagini (anche se piccoline) che spiega come interviene con la funzione/cursore, molto utile anche il ritaglio del pannello degli strumenti in cui mostra di quali cursori si stà parlando, mentre un grosso difetto stà nel fatto che i ritagli sono molto piccoli per cui (almeno personalmente) mi tocca andare a vederli con la lente di ingrandimento:giggle:.

Quello che scriverò ora è solo a carattere informativo visto che sono capitoli che devo ancora esplorare, dopo lo sviluppo ci sarebbe la "Mappa" che viene saltata a piè pari, forse si ritroverà in qualche paragrafo di sviluppo, per poi proseguire con "Libro" in cui ci spiega come impaginare un eventuale Book fotografico; segue "presentazione" che anche se sembra un argomento ignorato, la si ritroverà più avanti dopo la stampa. Una grande importanza (e vorrei vedere:aehm:) la dà alla sezione "Stampa", parlando e spiegando i layout, il profilo colore e tutte le varie impostazioni per far si che le immagini stampate risultino ottime.

Ah dimenticavo che nella sezione presentazione illustra la possibilità di utilizzare la fotocamera come videocamera per fare video. Il libro alla fine dà suggerimenti anche molto approfonditi sul taglio delle foto e, come gestirlo ai fini di un'eventuale condivisione via Web.

Come ultima chicca mette a disposizione sul suo sito dei video in cui spiega le varie tecniche di sviluppo (purtroppo in inglese); è possibile scaricare tutta una serie di preset di sviluppo da inserire in Lightroom e, tutte le foto presenti nel libro in cui spiega le tecniche di sviluppo in modo da seguire la lezione con le stesse immagini e non per ultimo, l'ultima pagina ritagliandola e incollandola su un cartoncino si ha a disposizione una "greycard" per il bilanciamento del bianco.

Per finire che dire per ora a parte la qualità della carta e le compressione delle immagini che a mio avviso potevano essere di molto migliorate (visto il costo non indifferente 42euro prezzo pieno mentre pagato tramite amazon 39,99.....ultimo prezzo riscontrato in real time 37,36 euro sempre in amazon) il testo mi piace, specialmente il modo di spiegare di Kelby che va a passi affrontando ad ogni passo i vari aspetti delle funzioni.

Spero di aver fatto cosa gradita specialmente se qualcuno è interessato all'acquisto, e se ci sono domande in merito sono quì.
 
Ultima modifica:

Nomed

Autore P2L
Membro dello Staff
Registrato
25 Giugno 2011
Messaggi
5.074
Località
Sofia
Sito Web
www.carlo-orlandi.com
Corpo macchina
Fujifilm X-S10
Sesso
Maschio
Grazie della tua recensione Benedetto!

Soprattutto per me poter avere riscontri di questo genere è utilissimo, perché spesso chi guarda i miei video mi chiede materiale ulteriore sul quale approfondire e su alcuni argomenti come Lightroom non ho testi di riferimento!

Un po' scandaloso che in ambito fotografico e con questi prezzi facciano uscire edizioni di bassa qualità a livello di stampa e carta.

Lightroom nel particolare negli ultimi anni ha avuto parecchie modifiche grosse, proprio l'ultima è stata con le correzioni localizzate, che prima erano strumenti separati mentre ora in un unico strumento è possibile creare maschere di selezione con pannelli, sfumature o ellissi, oltre che la rivelazione automatica di soggetti e cielo!
 

Benedetto

GURU
Registrato
10 Febbraio 2016
Messaggi
3.864
Località
Chioggia
Corpo macchina
Nikon D7200
Sesso
Maschio
Grazie della tua recensione Benedetto!

Soprattutto per me poter avere riscontri di questo genere è utilissimo, perché spesso chi guarda i miei video mi chiede materiale ulteriore sul quale approfondire e su alcuni argomenti come Lightroom non ho testi di riferimento!

Un po' scandaloso che in ambito fotografico e con questi prezzi facciano uscire edizioni di bassa qualità a livello di stampa e carta.

Lightroom nel particolare negli ultimi anni ha avuto parecchie modifiche grosse, proprio l'ultima è stata con le correzioni localizzate, che prima erano strumenti separati mentre ora in un unico strumento è possibile creare maschere di selezione con pannelli, sfumature o ellissi, oltre che la rivelazione automatica di soggetti e cielo!
grazie a te Carlo ;)
 
Alto