Compensazione esposizione

romeo87

Maestro
Registrato
1 Settembre 2015
Messaggi
373
Ebbene sì, dopo più di 2 anni di utilizzo della reflex, vengo a porvi, con imbarazzo questa domanda...

Impostando un tempo di scatto, un diaframma ed un iso, ho un istogramma.

variando di uno stop il tempo es da 1/100 a 1/200 e compensando con gli iso da 100 a 200, ho un istogramma (quasi) come prima...è già Non capisco quasi, in quanto, almeno in teoria dovrebbero essere identici.

Inoltre, se imposto es 1/200 f 1.8 iso 1600, mi spiegate perché l'istogramma è mooolto diverso compensando con 1/200 f 2.5 iso 3200?(chiudendo quindi il diaframma di uno stop ma aumentando anche gli iso di uno stop)
 
Ultima modifica:

49luciano

PRO
Registrato
28 Luglio 2014
Messaggi
1.481
Località
Bergamo
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
D7100
Sesso
Maschio
Evitiamo confusioni, compensare l'esposizione significa correggere quelle situazioni di luce dove avremmo il soggetto che non ci soddisfa rispetto allo sfondo, un esempio pratico, fotografo una persona in abito nero su una pista innevata in pieno sole, la fotocamera misura quello che inquadro e fa una media della luce e sceglie di conseguenza il tempo o il diaframma a seconda delle direttive che gli do, (priorità ai tempi, oppure ai diaframmi , oppure al programma automatico) mi troverò con il mio soggetto sottoesposto a tal punto che sarà un blocco nero su un fondo bianco, quindi devo compensare l'esposizione, ovvero andare ad aprire il mio diaframma o allungare i tempi per poter esporre e leggere poi il soggetto, quando le macchine fotografiche analogiche non avevano letture esposimetriche sofisicate come quelle odierne, si faceva una misurazione con esposimetri separati e si faceva una media fra luce incidente e quella riflessa dal soggetto, li poi ci giocava l'esperienza del fotografo, oggi le nostre reflex hanno tre modi di misurare la luce, media generale, media ponderata (tiene conto delle parti scure o chiare predominanti) e spot, avete soggetti che non sono "venuti bene"?, avete scelto la misurazione sbagliata, quindi qualsisi reflex moderna ha la possibilità di intervenire con la correzione compensando in + o in - usando un simbolo che è un quadrato diviso in diagonale, metà nero e metà bianco, oppure avvicinarsi al soggetto e inquadrare bloccando l'esposizione, tornare sul punto della ripresa e scattare.
L'istogramma nel digitale segue una logica "diversa" perchè tiene conto di tutte le fasi di memorizzazione dello scatto, quindi calcola il contrasto che è diverso da 100ISO a quello di 3200, calcola il disturbo o rumore che appiattisce con ISO alti l'immagine e altri fattori che la fotocamera ha nel suo software, quindi, ammesso che fosse possibile avere un istogramma con l'analogico, avremmo avuto gli stessi risultati come nel digitale, una pellicola da 50ASA (ISO) non ti permetteva errori superiori a un mezzo diaframma, mentre una pellicola a 800 ASA aveva una latitudine di posa superiore permettendoti di raddoppiare la sensibilità della stessa e compensando nello sviluppo successivo a scapito però della qualità.
Concludo con il solito consiglio che mi sento in dovere di dare, ogni macchina ha le sue caratteristiche, studiatela e fate molte prove, il digitale vi fa consumare solo la batteria, segnatevi le vostre prove e toglietevi i dubbi e se qualcosa non vi quadra .... libretto di istruzione e leggere con la fotocamera in mano.:ciao:
 

romeo87

Maestro
Registrato
1 Settembre 2015
Messaggi
373
Luciano intanto grazie, ma nonostante sia una gran bella risposta la tua, nonostante abbia sbagliato il termine nel titolo, non hai risposto al quesito.
Il fulcro era, perché non ho esposizione e identico istogramma bilanciando tra loro i valori come si legge nelle guide sulla fotografia
 

49luciano

PRO
Registrato
28 Luglio 2014
Messaggi
1.481
Località
Bergamo
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
D7100
Sesso
Maschio
ho ben risposto al tuo quesito
L'istogramma nel digitale segue una logica "diversa" perchè tiene conto di tutte le fasi di memorizzazione dello scatto, quindi calcola il contrasto che è diverso da 100ISO a quello di 3200, calcola il disturbo o rumore che appiattisce con ISO alti l'immagine e altri fattori che la fotocamera ha nel suo software, quindi, ammesso che fosse possibile avere un istogramma con l'analogico, avremmo avuto gli stessi risultati come nel digitale,
il fatto che tu passi da 100ISO a 200, già vai a far fare alla macchina alcune correzioni elettroniche, il sensore è sempre quel pezzo di vetro dove sono inglobati i vari pixel dei colori, la sensibilità di questi sensori e gestita da un software che "simula" diverse sensibilità, quindi non avrai mai lo stesso istogramma con sensibilità diverse, sarebbe come se io, torno sull'analogico, mettessi sempre nella mia macchina una pellicola da 100 ASA e a secondo dellla luce disponibile la esponessi una volta a 50 e la volta dopo a 200, la correggerei nello sviluppo e mi avvicinerei sicuramente agli stessi risultati, (istogramma) ma pur ottenedo stampe "quasi uguali" non avrebbe mai lo stesso grado di grigio/bianco/nero, ecco spiegato del perchè gli istogrammi non saranno mai uguali se cambi sensibilità e esposizioni, pur compensando in modo preciso tutti i parametri. la teoria ti da ragione, la pratica ti dice che la teoria va bene conoscerla ma se puoi evitala e fatti la pratica,
 

romeo87

Maestro
Registrato
1 Settembre 2015
Messaggi
373
Ecco, adesso ho capito, ancora grazie, sei un grande!

Ps al di là di ringraziarti per questo post, colgo l'occasione per dire che sei veramente un gran conoscitore della materia, in più di un occasione ho beneficiato dei tuoi preziosi interventi, sempre senza essere mai presuntuoso, anzi, disponibile a tutti.

Pur non conoscendoti personalmente, sento di dire che sei una brava persona, e nei forum, dove spesso si pecca di presunzione,"pseudononnismo" e arroganza, gente come te è veramente preziosa.

Sono iscritto al forum da poco più di un paio d'anni, non posto molte foto, ma leggo tutti i giorni più volte al giorno, imparando tantissimo, avendo la sensazione di essere in una comunità di gente a posto ed amici
 
Alto