Don Hong-Oai

gioffry

Moderatore sezione Analogica
Registrato
12 Gennaio 2014
Messaggi
2.059
Località
Milano
Sito Web
flic.kr
Sesso
Maschio
Oggi su altro forum ho conosciuto le fotografie di Don Hong-Oai definito maestro del pittorialismo cinese.

Mi ha colpito in particolare questa:


Date un'occhiata qui, se vi va:
http://www.cultor.org/dho/o.html


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk Pro
 

Nomed

Autore P2L
Membro dello Staff
Registrato
25 Giugno 2011
Messaggi
4.738
Località
Sofia
Sito Web
www.carlo-orlandi.com
Corpo macchina
Canon EOS 550D
Sesso
Maschio
Bellissime! Mi piace tantissimo la capacità di ritrarre delle scene trasformandole in quadri con il solo uso della composizione e dell'osservazione della luce!
 

Olden

PRO
Registrato
6 Aprile 2015
Messaggi
1.511
Sesso
Maschio
Molto belle, mi piacciono molto per la cura e l'idea della composizione, oltre che per la resa finale
delle atmosfere.

Qui abbiamo un esempio di fotografie analogiche che con metodi complicati di stampa
hanno ottenuto risultati molto simili a certe conversioni digitali dei giorni nostri che spesso
troviamo nei forum di fotografia e che fanno arricciare il naso ai "puristi "
che le definiscono troppo spinte o poco aderenti alla Fotografia con la F maiuscola perchè figlie
di eccessive manipolazioni digitali.

Sarebbe molto interessante capire queste persone cosa pensano rispetto a queste fotografie "manipolate" solo
in camera oscura probabilmente solo perchè il digitale a quei tempi ancora non esisteva!
 

Andrea85

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
31 Luglio 2014
Messaggi
8.795
Località
Grosseto
Corpo macchina
Sony alpha a6000
Sesso
Maschio
Qui abbiamo un esempio di fotografie analogiche che con metodi complicati di stampa
hanno ottenuto risultati molto simili a certe conversioni digitali dei giorni nostri che spesso
troviamo nei forum di fotografia e che fanno arricciare il naso ai "puristi "
che le definiscono troppo spinte o poco aderenti alla Fotografia con la F maiuscola perchè figlie
di eccessive manipolazioni digitali.

Sarebbe molto interessante capire queste persone cosa pensano rispetto a queste fotografie "manipolate" solo
in camera oscura probabilmente solo perchè il digitale a quei tempi ancora non esisteva!
SUPERQUOTO!!:oldman:
 

Harma

GURU
Registrato
8 Aprile 2012
Messaggi
8.582
Località
Toscana
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
NIKON D3100 AF-S NIKKOR18-105 Tamtom 90mm
Sesso
Femmina
Quanta poesia in queste foto...poi con calma gli riguardo.
Grazie!!
 

gioffry

Moderatore sezione Analogica
Registrato
12 Gennaio 2014
Messaggi
2.059
Località
Milano
Sito Web
flic.kr
Sesso
Maschio
Molto belle, mi piacciono molto per la cura e l'idea della composizione, oltre che per la resa finale
delle atmosfere.

Qui abbiamo un esempio di fotografie analogiche che con metodi complicati di stampa
hanno ottenuto risultati molto simili a certe conversioni digitali dei giorni nostri che spesso
troviamo nei forum di fotografia e che fanno arricciare il naso ai "puristi "
che le definiscono troppo spinte o poco aderenti alla Fotografia con la F maiuscola perchè figlie
di eccessive manipolazioni digitali.

Sarebbe molto interessante capire queste persone cosa pensano rispetto a queste fotografie "manipolate" solo
in camera oscura probabilmente solo perchè il digitale a quei tempi ancora non esisteva!
La tua osservazione è interessante per innescare un dibattito sulla cosa ... credo che siamo in tanti e ognuno la penserà in maniera diversa ... per cui sarebbe interessante discuterne.

Ma ti posso garantire che, tralasciando la tecnica di stratificazione dei negativi usata da questo artista, oggi la carta fotografica a contrasto variabile (che all'epoca dell'artista non esisteva) ti consente di manipolare un immagine nella stessa maniera. Ma attenzione: l'unica manipolazione di cui stiamo parlando è la correzione soggettiva del contrasto.

Poi c'è il viraggio seppia che però non classifico personalmente come "manipolazione" (tra l'altro a me non piace per nulla). E lui non usa la sbianca locale (quella si che probabilmente è qualcosa che va oltre).
 

Olden

PRO
Registrato
6 Aprile 2015
Messaggi
1.511
Sesso
Maschio
La tua osservazione è interessante per innescare un dibattito sulla cosa ... credo che siamo in tanti e ognuno la penserà in maniera diversa ... per cui sarebbe interessante discuterne.

Ma ti posso garantire che, tralasciando la tecnica di stratificazione dei negativi usata da questo artista, oggi la carta fotografica a contrasto variabile (che all'epoca dell'artista non esisteva) ti consente di manipolare un immagine nella stessa maniera. Ma attenzione: l'unica manipolazione di cui stiamo parlando è la correzione soggettiva del contrasto.

Poi c'è il viraggio seppia che però non classifico personalmente come "manipolazione" (tra l'altro a me non piace per nulla). E lui non usa la sbianca locale (quella si che probabilmente è qualcosa che va oltre).


Anch'io credo che il tema sia interessante, tuttavia eviterei di addentrarmi nella comparazione dettagliata
dei due processi, analogico e digitale.
Certo è interessante apprendere le tecniche di sviluppo e stampa a volte molto raffinate che venivano applicate all'analogico, così come è interessante conoscere quelle digitali,
tuttavia io mi limito a focalizzare il discorso solo sui risultati finali e cosa importante, in riferimento non al contenuto compositivo o al valore espressivo assoluto dell'immagine, ma semplicemente in relazione a quanto prodotto
dai due diversi metodi di sviluppo.
 
Alto