Nove punti di messa a fuoco o più?

Nimas

Appassionato
Registrato
22 Agosto 2019
Messaggi
40
Salve a tutti. Di recente ho acquistato la mia nuova reflex e ho optato per una Canon 200D invece di una 77D. Ho notato che le due fotocamere sono praticamente uguali (stesso sensore, dimensioni e materiali paragonabili eccetera) se non per il fatto che la 77D, più professionale, abbia un secondo display in alto ed un numero di punti di messa a fuoco ben più alto: 45.
La mia 200D ha solo 9 punti di messa a fuoco ma l'ho preferita alla 77D sia per un costo inferiore (risparmiare soldi non fa mai male) che per la migliore durata della batteria. Ho pensato che, in fin dei conti, il miglior sensore del focus è quello centrale e sarebbe consigliabile usare sempre quello per poi ricomporre la scena. Volevo chiedere a voi, sicuramente più esperti di me che fotografo solo da 8 mesi, ho fatto una buona cosa? Sono davvero così utili tutti quei punti di messa a fuoco o è meglio utilizzare quello centrale e ricomporre la scena?
 

hauk

Esperto
Registrato
8 Dicembre 2018
Messaggi
343
Sesso
Maschio
Ciao Nimas,

credo che tu abbia idee un pò confuse...

Tra misurazione dell'esposizione e punti di autofocus.
 

hauk

Esperto
Registrato
8 Dicembre 2018
Messaggi
343
Sesso
Maschio
I punti di messa a fuoco servono agli obbiettivi dotati di AF (autofocus) appunto per mettere a fuoco in automatico, per cui in teoria più punti a la macchina più rapida e precisa sarà la messa a fuoco, tra le funzioni puoi scegliere anche la zona di AF.

Invece quello centrale che dici tu poi blocchi col tasto * ricomponi e scatti serve alla misurazione dell'esposizione e non all'AF. Più precisamente si chiama misurazione spot.
Diciamo che la macchina può usare 3, 4, anche 5 metodi diversi per misurare l'esposizione, cioè la quantità di luce per avere l'esposimetro a 0. I principali metodi sono Misurazione Matrix, Misurazione Spot e Media Pesata al Centro.

Ti consiglio di seguire il videocorso offerto gentilmente da Nomed, che spiega molto bene sia il metodo di messa a fuoco che la misurazione dell'esposizione.
 

Pinku

GURU
Registrato
27 Marzo 2012
Messaggi
5.893
Località
Casasco d'Intelvi
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
Canon EOS 80D
Sesso
Maschio
@hauk non è corretto quello che dici, la ricomposizione fatta con il blocco AF (*) non rimette a fuoco ma blocca sia il fuoco che la misurazione dell'esposizione, io uso spessissimo questo metodo sia nei ritratti che nei paesaggi.
Il fatto di avere tanti punti di messa a fuoco è sicuramente comodo e un plus interessante ma non è fondamentale, torna molto utile in queste due situazioni:
- paesaggi o macro con macchina su treppiede: in questo caso torna utile perchè senza muovere la testa del treppiede hai la possibilità di spostare il fuoco sul frame in modo più preciso
- ritratti con ottiche con diaframma molto aperto (f1.2/f1.4/f1.8): in questo caso ricomporre potrebbe comportare un leggero spostamento della distanza di messa a fuoco e perdere quindi nitidezza, utilizzando un punto decentrato si ottiene un risultato più preciso

io trovo molto comodo usare il BBF (Back Button Focus), ovvero riconfigurare la macchina in modo che si possa mettere a fuoco con uno dei pulsanti posteriori, valuta se possibile farlo con la 200d, trovi un sacco di informazioni in internet.

Ciao
 
Ultima modifica:

hauk

Esperto
Registrato
8 Dicembre 2018
Messaggi
343
Sesso
Maschio
@Aries Mu non è corretto quello che dici, la ricomposizione fatta con il blocco AF (*) non rimette a fuoco ma blocca sia il fuoco che la misurazione dell'esposizione, io uso spessissimo questo metodo sia nei ritratti che nei paesaggi...
Ciao, forse non è Aries Mu ma ho risposto io a Nimas.. :)

Se non sbaglio anche tu hai la eos 80d, quando blocchi l'esposizione col tasto asterisco non blocchi anche la messa a fuoco ma solo la lettura della luce. Infatti se ricomponi e rimetti a fuoco i punti di messa a fuoco cambiano.

Perché dici che sbaglio?
 

Pinku

GURU
Registrato
27 Marzo 2012
Messaggi
5.893
Località
Casasco d'Intelvi
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
Canon EOS 80D
Sesso
Maschio
Ciao, forse non è Aries Mu ma ho risposto io a Nimas.. :)

Se non sbaglio anche tu hai la eos 80d, quando blocchi l'esposizione col tasto asterisco non blocchi anche la messa a fuoco ma solo la lettura della luce. Infatti se ricomponi e rimetti a fuoco i punti di messa a fuoco cambiano.

Perché dici che sbaglio?
Non so perchè ho messo Aries..... :giggle:

Ora che ci penso hai ragione, sono ormai abituato da anni a lavorare con il BBF che mi dimentico che la mia macchina non lavora con la configurazione standard...
 

hauk

Esperto
Registrato
8 Dicembre 2018
Messaggi
343
Sesso
Maschio
Non so perchè ho messo Aries..... :giggle:

Ora che ci penso hai ragione, sono ormai abituato da anni a lavorare con il BBF che mi dimentico che la mia macchina non lavora con la configurazione standard...
Io non conosco il BBF, quando hai tempo potresti spiegare in breve di cosa si tratta?
Grazie
 

Pinku

GURU
Registrato
27 Marzo 2012
Messaggi
5.893
Località
Casasco d'Intelvi
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
Canon EOS 80D
Sesso
Maschio
Io non conosco il BBF, quando hai tempo potresti spiegare in breve di cosa si tratta?
Grazie
Nella configurazione "standard" ogni camera fa la misurazione e la messa a fuoco quando si preme per metà il pulsante di scatto.
Questo può essere utilizzato per ricomporre ma ti obbliga (supponendo di utilizzare solo il punto centrale) a mettere a fuoco dove ti interessa premendo per metà il pulsante di scatto, ricomporre sempre tenuto premuto per metà e poi scattare.
A volte questa procedura può risultare scomoda, e in questo caso si utilizza il BBF o Back Button Focus, per farlo è necessario intervenire sulla configurazione della macchina dal menu di sistema e si riassegnano le funzioni ai tasti.
Io utilizzo il tasto di scatto solo per la misurazione dell'esposizione e il tasto * per la messa a fuoco.

Qui uno dei tanti articoli che parla della cosa
 

Nimas

Appassionato
Registrato
22 Agosto 2019
Messaggi
40
Grazie per le risposte. So a cosa servono i punti di messa a fuoco, non intendevo di utilizzarli per bloccare l'esposizione dell'immagine ma puramente per mantenere il fuoco sul punto centrale e poi ricomporre. Alla fine, quindi, molti punti di messa a fuoco diventano inutili se non nel caso di fotografia sportiva, sbaglio?
 

49luciano

PRO
Registrato
28 Luglio 2014
Messaggi
1.528
Località
Bergamo
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
D7100
Sesso
Maschio
certo che voi tre, @hauk , @Nimas e @Pinku ne fate di casino, quando le fotocamere avevano al massimo lo stigmometro, o meglio ancora l'immagine spezzate e i microprismi queste discussioni non c'erano e si scattavano fotografie dove, ben poche volte si contavano i peli, oggi si hanno 502 punti di messa a fuoco ma riusciamo ancora a fare foto fuori fuoco, e quando c'è il fuoco esatto ci sono problemi di esposizione, io sarò pure vecchio e rinc.....to ma uso quasi sempre il punto centrale e ovvio che il mio soggetto è centrale, ma passiamo ai punti della messa a fuoco laterali o sopra o sotto, li uso su cavalletto quando fotografo oggetti che hanno più piani di fuoco e a me interessa solo una parte di questi e capita che quello che mi interessa sia a destra/sinistra/sopra/sotto, è in quel momento che trovo comodo avere 5 punti interessanti per il fuoco, degli altri 487 me ne frego altamente e molte volte rimpiango quel cerchietto centrale del mirino che mi aiutava a mettere a fuoco l'immagine, ora immaginate di avere una fotocamera analogica con un rullino che ogni volta fate clik vi costa un € e vedrete che le foto le farete con più calma e le studiate ben benino prima di scattare una raffica di venti foto per sceglierne una ....
adesso ditemi pure che la tecnologia bla bla bla, si aiuta ma non fa riflettre per niente.
ciao a tutti e domani comincia il campionato, quest'anno spero proprio che la Rubentus non vinca ancora lei lo scudetto, ciao a tutti
:birra: :birra:
 

Nimas

Appassionato
Registrato
22 Agosto 2019
Messaggi
40
certo che voi tre, @hauk , @Nimas e @Pinku ne fate di casino, quando le fotocamere avevano al massimo lo stigmometro, o meglio ancora l'immagine spezzate e i microprismi queste discussioni non c'erano e si scattavano fotografie dove, ben poche volte si contavano i peli, oggi si hanno 502 punti di messa a fuoco ma riusciamo ancora a fare foto fuori fuoco, e quando c'è il fuoco esatto ci sono problemi di esposizione, io sarò pure vecchio e rinc.....to ma uso quasi sempre il punto centrale e ovvio che il mio soggetto è centrale, ma passiamo ai punti della messa a fuoco laterali o sopra o sotto, li uso su cavalletto quando fotografo oggetti che hanno più piani di fuoco e a me interessa solo una parte di questi e capita che quello che mi interessa sia a destra/sinistra/sopra/sotto, è in quel momento che trovo comodo avere 5 punti interessanti per il fuoco, degli altri 487 me ne frego altamente e molte volte rimpiango quel cerchietto centrale del mirino che mi aiutava a mettere a fuoco l'immagine, ora immaginate di avere una fotocamera analogica con un rullino che ogni volta fate clik vi costa un € e vedrete che le foto le farete con più calma e le studiate ben benino prima di scattare una raffica di venti foto per sceglierne una ....
adesso ditemi pure che la tecnologia bla bla bla, si aiuta ma non fa riflettre per niente.
ciao a tutti e domani comincia il campionato, quest'anno spero proprio che la Rubentus non vinca ancora lei lo scudetto, ciao a tutti
:birra: :birra:
Sante parole, diciamo che generalmente io non amo scattare 500 fotografie della stessa scena perché so bene che l'otturatore delle reflex non è eterno e più che sprecarlo a scattare tantissime foto uguali, meglio cercare di farne massimo 3 o 4 ma buone. Comunque grazie, ottima risposta!
 

hauk

Esperto
Registrato
8 Dicembre 2018
Messaggi
343
Sesso
Maschio
Ha ragione @49luciano , probabilmente scattare tante fotografie perché sono gratis e poi usarne solo 1 o 2 in effetti distorce dallo scatto preciso, anche se io ho solo una piccolissima esperienza, questo fatto l'avevo notato.

Però sul fatto che la tecnologia avanza ma bisogna sempre stare sul metodo vecchio di scatto, questo non sono d'accordo.
Ricordo che il grande Alpinista Walter Bonatti, che negli anni 60 aveva fatto in solitaria la nord del Cervino in 3 giorni era un traguardo irraggiungibile, ora invece a distanza di più di 50 anni i migliori la fanno sempre in solitaria in solo 2 o 3 ore.
Questo succede anche per il ciclismo una volta i grandi campioni staccavano il resto del gruppo ed erano dei miti ora si vince solo per un minutino di distacco dagli altri perché le bici e gli allenamenti sono sempre più perfetti.
Detto questo, se tutti seguissero il calcio come mè i calciatori dovrebbero andare a lavorare per correrre dietro ad un pallone. :)
 

49luciano

PRO
Registrato
28 Luglio 2014
Messaggi
1.528
Località
Bergamo
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
D7100
Sesso
Maschio
Però sul fatto che la tecnologia avanza ma bisogna sempre stare sul metodo vecchio di scatto, questo non sono d'accordo.
Ricordo che il grande Alpinista Walter Bonatti, che negli anni 60 aveva fatto in solitaria la nord del Cervino in 3 giorni era un traguardo irraggiungibile, ora invece a distanza di più di 50 anni i migliori la fanno sempre in solitaria in solo 2 o 3 ore.
Questo succede anche per il ciclismo una volta i grandi campioni staccavano il resto del gruppo ed erano dei miti ora si vince solo per un minutino di distacco dagli altri perché le bici e gli allenamenti sono sempre più perfetti.
Detto questo, se tutti seguissero il calcio come mè i calciatori dovrebbero andare a lavorare per correrre dietro ad un pallone. :)
Mi ritengo un fagogitatore di tecnologia, quindi se ho dato l'impressione di non amarla, ho dato l'impressione sbagliata, personalmente mi aggiorno sistematicamente con i miei attrezzi, PC, memorie, e tutto quello che mi fa risparmiare tempo e fatica, ho settantanni e nel mio covo ho quanto di meglio mi posso permettere, in fotografia trovo eccezionale che non debba diventare cieco per mettere a fuoco le ciglia in un ritratto e che l'esposizione sia controllata dalla fotocamera anche all'ultimo centesimo di secondo prima dello scatto, ma a tutto trovo un limite, ad esempio, i punti di messa a fuoco, secondo me stiamo esagerando, come stiamo esagerando arrivare a raffiche dove possiamo quasi avvicinarci a quelle del video, la fotografia è uno scatto singolo e tale deve essere, il tempo di inquadrare e cercare di essere il più creativo possibile, poi abbiamo la possibilità di farne due/tre, ma in occasioni dove si necessita la possibilità di scelta, nelle cerimonie e nello sport, questo lo puoi fare dopo che sai scattare senza questi automatismi, abbiamo flash che calcolano anche il filo d'aria di traverso, abbiamo software che ti correggono l'impossibile, abbiamo autonomie che erano impensabili solo 10anni fa, tutto perfetto ma resta sempre il fatto che oggi, purtroppo, abbiamo persone che fanno questo mestiere come semplice mestiere, a volte scartabello nelle mie scatole di fotografie analogiche e ricordo perfettamente "quella foto" dove ho messo il soggetto in "quel modo" i due/tre flash il quella maniera e fatto prove con una polaroid per avere un'anteprima, poi lo scatto e l'attesa della stampa, la tecnologia tutto questo ce lo ha portato via, ma quando lo hai dentro di te questo indirizzo analogico e tecnico, non rinneghi certo la tecnologia che ti fa mettre i tre flash su degli stativi e dal tuo punto di ripresa li comandi senza quei mucchi di fili che giravano per la stanza, scatti e vedi l'anteprima, correggi e scatti vedendo il risultato finale.
Oggi vediamo persone che spendono 10.000€ per un corredo fotografico e si fanno la partita IVA e si autodichiarano fotografi professionisti, tanto poi gli scatti li passo al tipo che me li sistema ..... questo è il risultato peggiore, (secondo me) che la tecnologia, nel nostro campo, ha prodotto, quando insegnavo ( fino a tre anni fa) ai miei ragazzini delle medie, fotografia, ne uscivano con un'occhio che, commentavano scatti nel contenuto, nell'emozione e solo alla fine, se ne avevano voglia, criticavano la qualità fotografica, alcuni di loro oggi sono fotografi e possono definirsi professionisti anche con fotocamere di poche centinaia di €.
scusate la lunghezza ma alla mia retà si diventa logorroici, sfaticati e appasionati di serie TV e di calcio..... (per chi non lo sapesse la mia ATALANTA è nella champions e farà sicuramente sei partite, poi ci butteranno fuori ma siamo arrivati prima di Inter e Milan.
:birra: :birra: :) :)
 

hauk

Esperto
Registrato
8 Dicembre 2018
Messaggi
343
Sesso
Maschio
Mi ritengo un fagogitatore di tecnologia, quindi se ho dato l'impressione di non amarla, ho dato l'impressione sbagliata, personalmente mi aggiorno sistematicamente con i miei attrezzi, PC, memorie, e tutto quello che mi fa risparmiare tempo e fatica, ho settantanni e nel mio covo ho quanto di meglio mi posso permettere, in fotografia trovo eccezionale che non debba diventare cieco per mettere a fuoco le ciglia in un ritratto e che l'esposizione sia controllata dalla fotocamera anche all'ultimo centesimo di secondo prima dello scatto, ma a tutto trovo un limite, ad esempio, i punti di messa a fuoco, secondo me stiamo esagerando, come stiamo esagerando arrivare a raffiche dove possiamo quasi avvicinarci a quelle del video, la fotografia è uno scatto singolo e tale deve essere, il tempo di inquadrare e cercare di essere il più creativo possibile, poi abbiamo la possibilità di farne due/tre, ma in occasioni dove si necessita la possibilità di scelta, nelle cerimonie e nello sport, questo lo puoi fare dopo che sai scattare senza questi automatismi, abbiamo flash che calcolano anche il filo d'aria di traverso, abbiamo software che ti correggono l'impossibile, abbiamo autonomie che erano impensabili solo 10anni fa, tutto perfetto ma resta sempre il fatto che oggi, purtroppo, abbiamo persone che fanno questo mestiere come semplice mestiere, a volte scartabello nelle mie scatole di fotografie analogiche e ricordo perfettamente "quella foto" dove ho messo il soggetto in "quel modo" i due/tre flash il quella maniera e fatto prove con una polaroid per avere un'anteprima, poi lo scatto e l'attesa della stampa, la tecnologia tutto questo ce lo ha portato via, ma quando lo hai dentro di te questo indirizzo analogico e tecnico, non rinneghi certo la tecnologia che ti fa mettre i tre flash su degli stativi e dal tuo punto di ripresa li comandi senza quei mucchi di fili che giravano per la stanza, scatti e vedi l'anteprima, correggi e scatti vedendo il risultato finale.
Oggi vediamo persone che spendono 10.000€ per un corredo fotografico e si fanno la partita IVA e si autodichiarano fotografi professionisti, tanto poi gli scatti li passo al tipo che me li sistema ..... questo è il risultato peggiore, (secondo me) che la tecnologia, nel nostro campo, ha prodotto, quando insegnavo ( fino a tre anni fa) ai miei ragazzini delle medie, fotografia, ne uscivano con un'occhio che, commentavano scatti nel contenuto, nell'emozione e solo alla fine, se ne avevano voglia, criticavano la qualità fotografica, alcuni di loro oggi sono fotografi e possono definirsi professionisti anche con fotocamere di poche centinaia di €.
scusate la lunghezza ma alla mia retà si diventa logorroici, sfaticati e appasionati di serie TV e di calcio..... (per chi non lo sapesse la mia ATALANTA è nella champions e farà sicuramente sei partite, poi ci butteranno fuori ma siamo arrivati prima di Inter e Milan.
:birra: :birra: :) :)
Per carità, scusa se nella mia risposta cè stata un qualche offesa, nel modo più assoluto non era mia intenzione :pace:

Dal primo giorno che mi sono iscritto al forum e parliamo solo di pochi mesi fà, tutti i tuoi interventi le ho sempre e sempre li riterrò all'avanguardia e competenti. Anzi in questa nuova generazione bisogna dire che sono proprio le persone come te che con i loro consigli precisi e gratuiti permettono la società di aumentare il QI.
Il resto è acqua. Grazie :birra::ciao:
 

49luciano

PRO
Registrato
28 Luglio 2014
Messaggi
1.528
Località
Bergamo
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
D7100
Sesso
Maschio
Per carità, scusa se nella mia risposta cè stata un qualche offesa, nel modo più assoluto non era mia intenzione :pace:
assolutamente nessuna offesa, tranquillo, io ho semplicemente voluto spiegare che la tecnologia è utile ma.... bisogna saperla usare e sfruttare, se inventassero i tappeti volanti, li dovrebbero usare quelle persone che sanno come è fatto un tappeto e come funziona prima che gli applichino la tecnologia per farlo volare, altrimenti correremmo il rischio di vedere tanti piloti svolazzare nel cielo, in un forum non ci si deve ne potere offerdersi, si è liberi di entrare e cercare di dare il nostro contributo come hai fatto tu e come fanno tanti altri, più "teste"scrivono più si cresce nalla cultura della materia, quindi, ripeto, non ho intravisto nessun lato negativo nel tuo intervento e io, ho voluto solo scrivere quello che penso e vedo nella tecnologia, ma potremmo parlarne per pagine intere..... ma fra poco inizia il campionato e il forum lo apro nell'intervallo, ciao e buon week-end e buoni scatti tu che puoi farli.... :ciao: :ciao:
 

Nimas

Appassionato
Registrato
22 Agosto 2019
Messaggi
40
Io avevo fatto una domanda sui punti di messa a fuoco, non pensavo che venisse fuori una discussione sulla tecnologia :giggle: :giggle:
Grazie per risposte, buon campionato e forza Inter!
 
Alto