Sara Munari e i suoi "insegnamenti"

Mica

PRO
Registrato
30 Aprile 2022
Messaggi
438
Località
Bahia, Brasile
Corpo macchina
Canon M50
Sesso
Femmina
Ciao gruppo!
Ho ereditato un libro (finalmente un libro vero, di carta stampata!!) titolo "Street Photography - Attenzione può creare dipendenza" di Sara Munari.
Tecniche, consigli, linguaggio semplice. Ma....arrivo a pagina 151 e mi cade il mondo.
Il messaggio che lancia non mi sembra per nulla incentivante, anzi!! Soprattutto per chi è all'inizio come me, come tanti.
Credo che un libro che vuole insegnare qualcosa, debba incentivare, e non dire "ritirati e vai a fare l'eremita". Nessuno è nato" imparato".
Le tue foto non sono incisive? Cambia tecnica. Studia. Riprova.
Studia e riprova di nuovo, fino alla nausea.. Questo mi aspetto da una persona che vuole insegnare.
Non ho la pretesa di diventare una fotografa professionista, il mio lavoro è tutt'altro, voglio solo migliorare il mio hobby..

Va bene, scusate lo sfogo... Un abbraccio a tutti
 

Allegati

Abraxas

GURU
Registrato
8 Settembre 2013
Messaggi
6.447
Sito Web
pannelli-photoshop.blogspot.it
Sesso
Maschio
secondo me si riferisce a quelle persone che intendono fare della fotografia una professione, si sa che noi fotoamatori siamo fotografi di serie C,

Io da fotoamatore ti direi di continuare, di mettercela tutta, che se segui le regole vedrai che i risultati prima o poi arrivano, ma sono solo parole di un fotoamatore qualunque.
 

Franz

Maestro
Registrato
18 Novembre 2012
Messaggi
144
Località
Matera
Sito Web
www.francescocanzoniere.it
Corpo macchina
Sony Alpha A7 III
Sesso
Maschio
Non tutti i libri sono interessanti e fatti da qualcuno che può realmente insegnare.
Comprane uno nuovo.


Ciao gruppo!
Ho ereditato un libro (finalmente un libro vero, di carta stampata!!) titolo "Street Photography - Attenzione può creare dipendenza" di Sara Munari.
Tecniche, consigli, linguaggio semplice. Ma....arrivo a pagina 151 e mi cade il mondo.
Il messaggio che lancia non mi sembra per nulla incentivante, anzi!! Soprattutto per chi è all'inizio come me, come tanti.
Credo che un libro che vuole insegnare qualcosa, debba incentivare, e non dire "ritirati e vai a fare l'eremita". Nessuno è nato" imparato".
Le tue foto non sono incisive? Cambia tecnica. Studia. Riprova.
Studia e riprova di nuovo, fino alla nausea.. Questo mi aspetto da una persona che vuole insegnare.
Non ho la pretesa di diventare una fotografa professionista, il mio lavoro è tutt'altro, voglio solo migliorare il mio hobby..

Va bene, scusate lo sfogo... Un abbraccio a tutti
 

bebboy

GURU
Registrato
28 Gennaio 2013
Messaggi
3.758
Località
Bodio Lomnago (Va)
Sesso
Maschio
Non è così scontato che chi sa fare sappia anche insegnare. Io ho suonato per anni in giro per locali. Avendo imparato da autodidatta ho iniziato a sentirmi limitato e decisi quindi di iniziare un percorso di lezioni private. Ho smesso del tutto di suonare
Detto questo anche la fotografia è in parte tecnica ed in parte arte. Una si può insegnare, l'altra no.
 

Olden

PRO
Registrato
6 Aprile 2015
Messaggi
2.581
Corpo macchina
Nikon Z 8
Sesso
Maschio
La frase è la conclusione di un discorso più articolato che non ci è dato di leggere, quindi
non si riesce a capire se è una battuta o una vera e propria affermazione.

In ogni caso sparacchiare foto a destra e a manca, con telefonini o macchine fotografiche,
ad uso e consumo dei social come è molto di moda oggi, può essere chiaramente fatto da tutti.

Praticare la fotografia professionalmente e non, con consapevolezza, gusto estetico unito ad una certa capacità
compositiva, ed un certa capacità nella lettura dell'immagine è tutt'altra cosa.

È innegabile che così come per qualsiasi altra disciplina o forma d'arte c'è chi è più portato e possiede
delle qualità innate verso una certa pratica, è anche vero per contro, che alcuni individui possono rivelarsi
assolutamente negati per tale attività.
Del resto è una cosa normale e avviene per qualsiasi attività, sport o disciplina che sia,
quindi perchè per la fotografia dovrebbe essere diverso?

Io del resto ho sempre pensato e continuo a pensarlo ora più che mai, che c'è gente con tanta buona volontà
tanti propositi e voglia di imparare, che tuttavia per la fotografia si dimostra del tutto negata, malgrado la passione
con la quale pratica questa attività.
Non c'è niente di male, non vuol dire che uno è meglio che non faccia foto, ci mancherebbe altro, però i risultati
che otterrà, che se ne renda conto o meno, saranno sempre molto scarsi.

Proprio nei forum di fotografia è facilissimo constatare questa realtà, specialmente se li si frequenta da anni.

Quindi per concludere, non mi sento di condannare a priori quella frase riportata nel libro,
perchè anche se molto esplicita e diretta a volte è solo un modo per prendere coscienza
della amara realtà... anche se oggi è più "di moda" vivere di illusioni.
 

Andrea85

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
31 Luglio 2014
Messaggi
10.238
Località
Grosseto
Corpo macchina
Sony alpha A7 Miii
Sesso
Maschio
Vedendo anche il titolo del libro...direi che parla di fotografia di strada...in questa branca della fotografia più che in altre, dove quasi sempre non c'è il tempo di pensare, preparare lo scatto, comporre bene...l'istinto prevale sulla conoscenza, anche se ovviamente l'esperienza aiuta, ma la "faccia come il deretano" di scattare da vicino, in faccia, rapidamente, d'istino...o ce l'hai o non ce l'hai.
Ad esempio io pratico fotografia dal 2014, non sono certo un professionista, ma un po'di esperienza me la sono fatta, e pertanto sono estremamente consapevole che a fare foto di strada sono una pippa totale, per cui prima di fare street photography...ha ragione lei, meglio se faccio l'eremita. Ha detto le cose in maniera un po' brutale e forse scoraggiante, ma in alcuni generi fotografici più che in altri, potrebbe essere così...anche se detto in maniera un po'dura, generalistica e probabilmente anche un po' provocatoria.
 
Alto