B&W Una foto "complicata" giù in cantina...

Pacata Mente

Appassionato
Registrato
4 Ottobre 2019
Messaggi
10
Corpo macchina
LX100
Sesso
Maschio
Questa è una foto che ho tentato di fare più volte.
Fotografo sempre intorno alle 10-10.30 di mattina - in questo caso - quando la luce del sole illumina la stanza dalla finestrella ma non è ancora troppo alto (a mezzogiorno ci sono già problemi di flare, nel pomeriggio il sole gira e non c'è più luce diretta che entra nella cantina). Quindi parlo di luce naturale che varia molto nello spazio di poco tempo. Formato 4:3 orizzontale (quel che basta, secondo me, in questo caso) e la focale che mi piace di più è a 35 mm, non voglio stringere troppo né far vedere tutta la stanza. La difficoltà, ovviamente, risiede nel non bruciare le luci della finestrella ma anche rendere visibile qualche dettaglio della stanza (come i riflessi sugli scatoloni), un po' come vedrebbe l'occhio umano in un situazione del genere, quindi non sono alla ricerca di una scena perfettamente illuminata ma il più possibile aderente alla situazione da me vista. Utilizzo una Lx100, su cavalletto in questo caso, iso a 200, diaframma mediamente chiuso (5,6/6,3) e il tempo di scatto lo lascio decidere alla macchina (esposizione soppesata al centro) e poi io gioco con la rotella delle correzioni (sotto e sovra esponendo). Ho provato anche sequenze automatiche di bracketing. Aggiungo che non mi interessa la foto ultra-dettagliata in termini di nitidezza, non in questo caso almeno, e anzi preferisco una certa morbidezza anche nei passaggi tonali.

La morale è che dal file raw su una singola esposizione non sono mai riuscito ad ottenere un gran risultato.
Ho fatto molte prove esponendo in molti modi diversi ma post-producendo la coperta era sempre corta, o da una parte o dall'altra.
La foto che posto qui, forse, è il risultato migliore che ho ottenuto e, paradossalmente, non proviene da un file raw ma da un jpeg sviluppato direttamente in macchina, settando alcuni parametri per il jpeg in modo particolare (monocromo, -2 sul contrasto, -5 sul rumore, -3 sulla nitidezza). Quindi ho fotografato in modalità hdr, fondendo 3 foto (passo +/- 1EV) tra di loro. In post produzione ho solo recuperato un po' di dettaglio visto che il file uscito dalla macchina era molto morbido, come volevo per tenerlo il più pulito possibile.

Ora: io vedo la foto in due modi molto diversi a seconda del dispositivo che uso.
Su schermi retina è una cosa (satura, con buon dettaglio, ma scuretta nel complesso anche se qualcosa emerge) mentre su schermo lcd del mio portatile è più leggibile (chiara) ma anche più marmellatosa-grigietta, ovviamente anche meno dettagliata. Quindi non so valutare se e quanto sia buono il risultato. Tuttavia chiedo anche a voi eventuali commenti e valutazioni, anche eventualmente per l'approccio in fase di scatto.


P1000362
by Pacata Mente, su Flickr
 

Andrea85

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
31 Luglio 2014
Messaggi
8.892
Località
Grosseto
Corpo macchina
Sony alpha A7 Miii
Sesso
Maschio
Ciao, per come la vedo io dal mio schermo è scuretta. Tuttavia, vista la premessa che hai fatto, almeno nella parte sinistra credo che il risultato sia raggiunto, giocherei eventualmente con le curve per esaltare di più i toni chiari. La parte destra oltre che troppo scura, la vedo anche meno interessante...proverei un taglio quadrato, se non addirittura un 4:3 verticale eliminando tutto ciò che sta a destra. Inoltre, vista l’atmosfera, virerei sul seppia.
 

Pacata Mente

Appassionato
Registrato
4 Ottobre 2019
Messaggi
10
Corpo macchina
LX100
Sesso
Maschio
Grazie Andrea85, il taglio 1:1 mi sembra una buona idea a cui non avevo pensato. Ho la possibilità di farlo direttamente in macchina, proverò a rifare la foto impostandola così.
Il 4:3 in verticale invece - secondo me ovviamente - taglierebbe troppo a destra e la foto diventerebbe proprio un'altra, forse si capirebbe meno cosa volevo fotografare (una cantina).
Sui toni chiari, alzarli con lo strumento "curve" su tutta la foto è un problema:
1) perché se guardi dentro la finestra sono già al limite pre-bruciatura e quindi perderei tutto quello che riesco a vedere oltre il vetro (i cavalletti, ecc..)
2) nei miei precedenti tentativi usando "curve" aumento (a parte il rumore) anche il contrasto e perdo passaggi tonali. Non so se mi sono espresso in modo tecnicamente corretto.
Ho anche pensato, in alternativa, di usare uno strumento selettivo come "dodge&burn" (con maschera sulla finestra) e poi lavorare all'incontrario su tutta la rimanenza della foto (alzando i chiari - finestra esclusa) ma non è che ottenga un risultato molto naturale, come luce complessiva.
 

49luciano

PRO
Registrato
28 Luglio 2014
Messaggi
1.526
Località
Bergamo
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
D7100
Sesso
Maschio
quando ti trovi in situazioni come questa .... mai pensato di fare un HDR e alla fine del processo convertirlo in un bel B/W? a volte si scoprono mondi e modi diversi di fare fotografia, ciao
 

Olden

PRO
Registrato
6 Aprile 2015
Messaggi
1.548
Sesso
Maschio
Io prenderei per buono ciò che si vede su retina, i portatili con i neri non vanno d'accordo ed in genere non fanno molto testo...
Anch'io sto guardando la foto da uno schermo retina ed è sicuramente scura.
La luce che proviene dalla finestra in modo diretto, sommata a quella riflessa dalle pareti bianche ha trasformato questa inquadratura
in fase di scatto in un vero e proprio controluce con tutto ciò che ne consegue. Le luci ed i bianchi hanno spinto la macchina a sottoesporre
chiudendo i neri e le ombre eccessivamente.
Detto questo bisogna capire bene cosa vuoi ottenere, non entro nel merito della composizione perchè considero questo scatto come un esercizio per capire come esporre in fase di scatto e come post produrre in seguito, quindi prediamo per buono il taglio originale.

Ora tenendo conto che parliamo di jpg con tutti i limiti della compressione,
prendiamo la foto correggiamo l'esposizione di più + 4 EV, apriamo tutte le ombre, e attenuiamo le luci ed il risultato è questo:




In questo modo si capisce come la macchina ha lavorato e si vede tutto quello che è recuperabile e quello che invece è nero senza definizione, pur non essendo fuori scala.

Si vede molto bene che la macchina ha prodotto del rumore nelle zone scure molto sottoesposte come la chitarra sullo sfondo,
questo contribuirà ad avere questo particolare, per quanto lo si possa recuperare secondo il proprio gusto, sempre un po' sporco...

A questo punto avendo capito quale è la massima leggibilità raggiungibile e disponibile per ogni elemento della composizione, possiamo decidere di scurire come desideriamo la nostra immagine fino a fargli assumere il grado di penombra e definizione che desideriamo ben consapevoli però di quali saranno le parti lavorabili e quelle invece irrimediabilmente nere.

Io ne ho elaborata una secondo il mio gusto che magari nulla ha a che vedere con quello che desideri tu, tuttavia la posto come esempio
di possibile sviluppo in alternativa al tuo un po' troppo scuro.

Mi dirai cosa ne pensi...


 

Pacata Mente

Appassionato
Registrato
4 Ottobre 2019
Messaggi
10
Corpo macchina
LX100
Sesso
Maschio
Grazie Olden, si ho capito il tuo procedimento.
A questo punto allora, per evitare il rumore ed i limiti del jpg/hdr, è meglio che torno a scattare in raw, espongo per salvare le luci compensando fin dove è possibile, e poi procedo come hai fatto tu mettendo "in mostra" tutto e poi lavorando con strumenti selettivi per scurire certe zone.
 

Olden

PRO
Registrato
6 Aprile 2015
Messaggi
1.548
Sesso
Maschio
Scattare in raw assolutamente sì, poi se vogliamo dirla tutta per evitare il più possibile il rumore probabilmente l'HDR è il sistema
più adeguato. Tre/cinque scatti esposti rispettivamente in modo corretto prima per le luci e poi per le ombre con una fusione fatta bene,
non invasiva, dovrebbe garantire per ogni zona una buona resa soprattutto se si usano bassi ISO.

Il sistema che adotto io è un po' più sbrigativo, faccio due o tre scatti con sottoesposizioni diverse e in post scelgo lo scatto che offre il miglior compromesso tra recupero ombre e gestione alte luci.

Quello di aprire tutte le ombre e sovraesporre di qualche diaframma in prima battuta cominciando la post è solo un veloce sistema che permette da un lato di imparare a capire come reagisce la propria macchina a certe condizioni di luce e dall'altro di cominciare a post produrre già sapendo dove si andrà a parare senza procedere per tentativi a volte fallimentari in partenza.
Con la frase "a questo punto possiamo scurire la nostra immagine ecc ecc" non intendo che bisogna necessariamente partire dal tutto
chiaro e scurire con una post selettiva , non ne vale la pena. È meglio tornare indietro di qualche diaframma fino a trovare un punto di equilibrio tra luci ed ombre e da lì cominciare a lavorare selettivamente sulle alte luci e sulle ombre troppo chiuse.

La morale di tutto questo discorso è quella di imparare ad acquisire consapevolezza nel modo di fotografare e sviluppare le proprie immagini, limitando il più possibile di procedere per tentativi. Quindi imparare come reagisce e lavora il nostro sensore ci eviterà sgradevoli sorprese davanti al monitor.
L'ideale è quello di conoscere in anticipo quanto posso spremere la mia macchina e la mia lente al momento dello scatto consapevole di quello che poi potrò fare a computer per sviluppare la mia foto recuperando ciò che non si è riusciti ad ottenere in fase di ripresa.
 
Ultima modifica:
Alto