Bobinatrice e pellicola in bobina.

Registrato
15 Settembre 2013
Messaggi
741
Località
bientina-pisa
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
konica hexar RF
Sesso
Maschio
bobinatrice.jpg

Solitamente siamo abituati a comprare (per chi usa ancora la pellicola) i classici rullini colore e BN da 36 pose ma,forse non tutti sanno che la pellicola viene venduta anche in bobine da 17 e 30 metri in formato 135 o 35mm che si voglia...a dire il vero si trova ancora una bobina di pellicola 120 da 70mm ma viene usata solo su alcuni caricatori hasselblad e unico caso (credo) la polypan f50 che si trova in bobine da 90 e 152 metri.
Perchè comprare una bobina da 30m invece del clasico rullino da 36!?Bè,il motivo più importante sicuramente è quello economico dato che con una bobina da 30m mediamente si fanno 18 (volendo ne salterebbero fuori anche 20 ma tra spreco,spezzoni,giri sbagliati...quindi si fa una media di 18) rullini da 36 e,portando un esempio:

ilford Hp5 bobina 30,5m =60.75€
ilford Hp5 rullino 36 =4.86€
1 rullino bobinato = 3.37€

ho confrontato i prezzi di maco (macodirect.de) che mediamente è il negozio online più rifornito e più concorrenziale che ho trovato quindi le oscillazioni sui prezzi ci possono essere sia sulla bobina che sui rullini ma è già evidente il risparmio di circa 1.50€ che proporzionato diventa 60.86€ contro 87.48€,quindi 27€ che possiamo spendere in altra pellicola o in birre :birra:.
Lo stesso calcolo lo si può fare con tutte le pellicole dato che attualmente in commercio si trovano le bobine di svariate marche e modelli (ilford,kodak,rollei,adox,efke,fomapan,kentmere...) quindi ognuno può soddisfare le proprie esigenze senza sentirsi limitato nella scelta.
Altro aspetto che trovo interessante è la possibilità di avere anche rullini con meno di 36 pose,secondo me il rullino ideale è quello da 24 e poi ci sono quelle occasioni in cui,vuoi per sperimentare o vuoi per motivi vari in cui si ha bisogno di pochi scatti e quindi il poter scegliere ci aiuta a non buttare scatti preziosi (con i tempi che corrono è bene fare economia!!!).
Ma veniamo alla questione tecnica perchè,non basta comprare una bobina di pellicola dato che i rullini vanno bobinati in casa!!!
In realtà la cosa è molto più semplice di quello che sembra anche se vanno usati accorgimenti adguati dato che,la pellicola come tutti saprete è un materiale fotosensibile e quindi va maneggiato in totale oscurità seduti sul wc...tanto le nostre camere oscure sono tutte al cesso!
Per bobinare i rullini esistono delle apposite macchinette chiamate appunto bobinatrici dove noi andremo a caricare la pellicola intera (al buio mi raccomando),la chiudiamo e possiamo riaccendere la luce,una volta caricata la pellicola noteremo che dalla nostra bobinatrice fuoriuscirà un pezzo di pellicola (mi raccomando ne basta qualche centimetro altrimenti il risparmio va a farsi benedire).
Adesso siamo pronti per creare il nostro rullino "home made" e,per fare ciò occorre un caricatore vuoto...mhh,e dove lo prendo!?
Le soluzioni sono 3 ma in pratica sono diventate 2...

1- siamo bravi e quando sviluppiamo il rullino non lo distruggiamo per estrarre la pellicola ma ci avvaliamo di un estrattore (fatto i casa o non) e ci ricordiamo di non tagliare al pari la pellicola ma di lasciarne almeno un paio di cm (tanto il 37° scatto viene sempre tagliato quindi non siate avari),se mandata a sviluppare in laboratorio passate alla seconda opzione direttamente.
2- compriamo dei caricatori vuoti,sono di plastica,si smontano e costano da 50cent a 1,50€...dipende da dove vi servite (un prezzo è on-line e uno è del fotoamatore...a voi capire quale)
3- una volta la ilford usava dei caricatori apribili che potevano essere riciclati,se ne avete in casa per qualche arcano motivo bene sennò ciccia...mi dicon che forse quelli efke si aprono e si richiudono alla stesso modo,devo ancora provare.Volendo si trovano su ebay ma fate attenzione perchè essendo datati potrebbero essere deformati oppure avere i feltrini cosumati quindi rischiate di rigare la pellicola o peggi far entrare luce.

Una volta che avete il vostro caricatore lo smontate e con del nastro adesivo (quello di carta è il migliore) assicurate la pellicola alla spoletta,se avete un caricatore riciclato attaccate la pellicola alla coda rimasta,inserire il rullino nella bobinatrice (ha una sede apposita),chiudete lo sportellino e cominciate a caricare girando la manovella della bobinatrice.
Ogni bobinatrice ha il suo numero di giri che solitamente è impresso sul corpo (x giri=x fotogrammi),una volta raggiunto il vostro traguardo aprite lo sportellino e tagliate.
Fatto,il vostro rullino home made è pronto...buone foto :)
Ah,dimenticavo...la bobinatrice,solitamente i negozi che vendono le bobine hanno anche le bobinatrice e,volendo si trovano anche usate quindi basta fare un giro in rete e valutare i prezzi...le migliori secondo me sono le bobinatrici Z che si trovano in 3 formati (17-30 e 60m) e mediamente si prendono per meno di 20€,eviterei la Computrol perchè leggendo in rete anche se sembra esere quella più precisa ha un metodo di funzionamento un pò "mistico" e c'è il rischio di buttare la bobina se si sbaglia qualche passo.
Io vi consiglio di comprare le vostre bobine su internet piuttosto che nei negozi anche perchè di solito nessuno le tiene e vanno ordinate con tempi e costi più alti,io mi rifornisco da Maco in Germania perchè,oltre ad avere i prezzi mogliori è il distributore ufficiale delle pellicole Rollei,altro negozio (sempre tedesco) è Lumière l'unico che vende la polypan F50 e dove potete trovare le Adox.
Da notare che le bobine di pellicola sono tutte in BN anche se c'è un'eccezione,la rollei digibase 200 (per ora l'ho trovata solo da Westernphoto a Piacenzae da Maco) e,volendo la Fuji ha sempre in cataologo tutte le diapositive e le pellicole colore in bobina l'unico problema è che nessuno le distribuisce!!!!

Io al momento in casa ho 4 bobinatrici,due Z17,una Z60 e una della Legacypro comprata nuova insieme alla mia prima bobina.
Usare le pellicole in bobina secondo me ha anche un impatto "social" dato che potete compare più bobine in società con amici fotografi e poi dividere in base al gusto e alla necessità risparmiando.
 
Alto