Fotografia BN ad infrarossi

AbiesAlba

Esperto
Registrato
6 Luglio 2013
Messaggi
36
Località
Mestre
Sito Web
www.facebook.com
Corpo macchina
Canon 7D + Canon EF Ultrasonic 75 - 300 mm f/5.6 + Canon EFS 18 - 55 mm stabilized + Canon EF 50 mm f/1.8 + Helios 44M - 6 58 mm f/2 MC
Sesso
Maschio
Ciao a tutti!
Poco tempo fa ho notato in giro per il web delle foto scattate con l'utilizzo di un filtro infrarossi, e devo dire che ne son rimasto molto colpito, soprattutto per l'effetto "surreale" che dona agli scatti.
Mi son messo subito in testa il pallino di provare: in casa ho pronta la mia Olympus OM 10, un rullino Ilford SFX 200, e da un parente mi son fatto prestare un portafiltro con filtro IR P007 (89B) della Cokin. Ho notato che come filtro è molto scuro, quindi presumo che prima si debba mettere a fuoco, subito dopo si debba inserire il filtro. Se c'è bisogno dell'utilizzo di scatto flessibile e treppiede, ho anche quelli. Ciò che mi chiedo, è:

- Quali sono le condizioni di luce più adatte per realizzare scatti con questa scelta artistica?
- Come devo gestire ISO, tempi e diaframmi? (mi hanno detto di diminuire o aumentare di almeno 11 stop il valore dei diaframmi rilevato, non ho ben capito questa cosa)
- Come obiettivo possiedo solo un 50 mm f /1.8, e volevo fare foto ritratto. Stavo pensando di realizzare anche foto di paesaggi, ma come focale è un po' alta, perciò non sono molto sicuro di farle. Ho notato che la maggior parte delle foto scattare in IR sono foto di paesaggi, ma.. posso creare delle foto valide anche facendo ritratti?
- Qual'è lo sviluppo ideale per ottenere buoni risultati? Mi sono informato, e ho trovato questa impostazione: esposizione a 400 ISO con filtro R72 o P007 e +11 diaframmi rispetto al valore rilevato. Sviluppo in Microphen 1+1 per 19 minuti a 20°C.
Non ho molti soldi ne tempo per realizzare sviluppi personalizzati per conto mio, perciò dovrò darlo al mio fotografo di fiducia, sperando che possa fare sviluppi personalizzati.. nel caso non potesse, va bene anche uno sviluppo standard ("standard", almeno lui così lo chiama)?


Grazie in anticipo, e spero di essermi spiegato bene, nonostante i termini tecnici siano il mio tallone d'Achille.

P.s. vi allego un esempio di foto che mi piacerebbe realizzare:
231641_a.jpg
 

EoSimo

PRO
Registrato
12 Agosto 2012
Messaggi
673
Io ne so poco e nulla dell'IR, quindi taggo sicuramente il massimo esperto di P2L in questo genere frinodavide :D
Posso però dirti che vedo male fare ritratti visto il tempo necessario, verrebbero sicuramente mossi.
Invece puoi fare tranquillamente paesaggi anche col 50mm, tutto dipende anche da qual è la tua idea ovviamente :)
 
Registrato
15 Settembre 2013
Messaggi
741
Località
bientina-pisa
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
konica hexar RF
Sesso
Maschio
Per cominciare ti rimando alla lettura del mio breve tutorial:
http://www.playerdue.com/forum/index.php?threads/tutorial-fotografia-infrarossi-parte-1°.35793/
Per quanto riguarda le tue domande invece vediamo:
- le condizioni ideali sono giornate di sole primavera/estate ma in realtà tutto l'anno va bene a patto di avere molta luce,le ore più indicate sono quelle centrali (dalle 11 alle 14),ovviamente in primavera estate la radiazione infrarossa sarà più forte e otterai più vegetazione bianca vista la presenza di clorofilla verde.
- se la tua macchina ha un esposimetro interno TTL ti consiglio di impostarlo alla sensibilità nominale della pellicola (200 nel tuo caso) e poi far esporre a lui,altrimenti con uno esterno devi lavorare tra 3 e 1 ISO,un filtro IR come il P007 (720Nm) mediamente assorbe 8/10 stop.
- i soggetti sono personali quindi uno vale l'altro,ovviamente visti i tempi non veloci (anche 1 sec a f16 in pieno sole) non puoi fotografare animali o soggetti in movimenti,ma un ritratto se la modella è brava e non si muove troppo ci sta tutto.
- lo sviluppo migliore è quello fatto in casa (rodinal,ultrafin,hc110…) dato che in base allo sviluppo usato i risultati possono cambiare,i lab non fanno sviluppi personalizzati quindi ti consiglio di prenderti un boccetto di rodinal (9€ circa e ti dura una vita) e farlo in casa se hai già dimestichezza con la cosa.
 

AbiesAlba

Esperto
Registrato
6 Luglio 2013
Messaggi
36
Località
Mestre
Sito Web
www.facebook.com
Corpo macchina
Canon 7D + Canon EF Ultrasonic 75 - 300 mm f/5.6 + Canon EFS 18 - 55 mm stabilized + Canon EF 50 mm f/1.8 + Helios 44M - 6 58 mm f/2 MC
Sesso
Maschio
Grazie millissime! Ma volevo precisare una cosa che ancora non ho ben capito..
Mettiamo il caso che io mi trovi a fotografare un paesaggio alle 15:17 di un pomeriggio senza alcuna nuvola (ho appena fatto una prova fuori da casa):
L'esposimetro della mia Olympus OM10, che è a priorità di tempi, mi ha rilevato un tempo di 1/125 a diaframma f/16. Con il discorso che il filtro aumenta di 11 stop la misura del diaframma impostata da me, mi sembra di aver capito che, mettendo il filtro, da f/16 si arriva a f/27.. vuol dire che sull'obiettivo devo girare la ghiera fino a togliere 11 stop? Quindi con il filtro inserito dovrò impostare f/5 e scattare con 1/125? è questo che non ho ben capito..
(a me in negozio hanno detto 11 stop, poi tu hai scritto che assorbe intorno ai 8/10 stop, dimmi tu cos'è meglio)
 

Hypereyed

GURU
Registrato
22 Agosto 2011
Messaggi
8.139
Località
Lisboa, Portugal
Sesso
Femmina
MOD: AbiesAlba, vedo che Davide è giunto puntuale a fugare i tuoi dubbi. Sei un nuovo arrivato, e prima di entrare nel merito di qualunque discussione è buona norma presentarsi alla comunità. Nell'apposita sezione non c'è nulla di tuo: provvedi ;)
 
Registrato
15 Settembre 2013
Messaggi
741
Località
bientina-pisa
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
konica hexar RF
Sesso
Maschio
Tralascia quello che ti dicono in negozio e forse anche quello che ti dice la macchina :D,la miglior cosa sarebbe quella di usare un esposimetro esterno così sei sicuro di trovare delle coppie giuste.
La pellicola infrarossi necessità di un pò di pratica prima di arrivare a risultati ottimali che molto spesso sono variabili perchè purtroppo è impossibile calcolare realmente una giusta esposizione dell'IR dato che è una radiazione luminosa invisibile all'occhio umano e quindi ci dobbiamo fidare di quello che dice la macchina o un esposimetro esterno e aspettare di sviluppare.
Comunque,ti riporto le raccomandazioni per l'uso dei filtri che si trova nel bugiardino delle Efke IR (testuali):

"L'uso dei filtri giallo,arancio e rosso aiuta ad eliminare dalla ripresa il velo atmosferico e ad enfatizzare l'effetto infrarosso della pellicola,è possibile impostare l'esposimetro sul valore della sensibilità nominale e apportare le seguenti correzioni:

- GIALLO - FATTORE FILTRO DA 1,5 A 2 - SOVRAESPORRE DA 1/2 A 1 STOP
- GIALLO SCURO - FATTORE FILTRO 2 - SOVRAESPORRE 1 STOP
- ARANCIONE - FATTORE FILTRO DA 3 A 4 - SOVRAESPORRE DA 1 A 2 STOP
- ROSSO - FATTORE FILTRO DA 4 A 8 - SOVRAESPORRE DA 2 A 3 STOP
- ROSSO SCURO - FATTORE FILTRO DA 8 A 16 - SOVRAESPORRE DA 3 A 4 STOP

Per maggiore comodità è anche possibile effettuare la misurazione dell'esposizone senza filtro impostando l'esposimetro sulle seguenti sensibilità:

- GIALLO - DA 64 A 50 ISO
- GIALLO SCURO - 50 ISO
- ARANCIONE - DA 50 A 25 ISO
- ROSSO - DA 25 A 12 ISP
- ROSSO SCURO - DA 15 A 6 ISO

La Efke ha una sensibilità nominale compresa tra 100 e 200 ISo quindi è simile alla Ilford anche se offre risultati molto diversi vista la maggior sensibilità all'infrarosso (820Nm contro 740) e l'alto contenuto di argento.
Nel tuo caso devi far riferimento al filtro rosso scuro che corrisponde al classico 720Nm (Hoya R72,Cokin P007,BW 093,…).
La raccomandazione è quella di lavorare in questo modo:
- caricare e scaricare la pellicola in totale oscurità o penombra,
- cavalletto e cavo di scatto per evitare le vibrazioni visti i tempi lunghi,
- comporre lo scatto,
- applicare il filtro e scattare.
Io comunque scatto molto a mano libera,usando delle telemetro non ho il problema della composizione immagine al buio dato che vedo sempre e comunque,impostando la macchina a 400 iso (solitamente uso le rollei infrared 400) la macchina espone a circa 25 da sola e quindi i tempi di scatto sono abbastanza gestibili anche con luce non fortissima.
Devi cercare in questo caso di lavorare a priorità diaframmi perchè sarebbe opportuno lavorare tra f8 e f16 al massimo e usare tempi lunghi.
Apparte quelli fatti con la Rolleiflex la maggior parte di questi scatti sono fatti tutti a mano libera:
http://www.flickr.com/photos/frinodavide/sets/72157623483151809/
Nel tuo caso di oggi 1/125 a f16 togliendo 4 stop dovevi esporre a 1/8 f16…il fattore filtro è una cosa,gli stop di sovra o sotto esposizione un'altra.
Però,tralasciando l'esposizione penso che non usando uno sviluppo adeguato andrai a buttare tutto il lavoro fatto dato che buona parte del risultato è dovuto alla sviluppo,i laboratori che sviluppano il BN sono diventati una rarità e di solito usano un rivelatore universale che va bene per la maggior parte delle situazioni ma che non tiene conto della particolarità delle pellicole e quindi offre un risultato omogeneo.
Quando io sviluppo le mie Rollei Infrared 400 con un qualsiasi rivelatore parto dal presupposto che la pellicola è una 400 iso ma io l'ho esposta a 12 o 25 e quindi devo sviluppare di conseguenza,in più determinato rivelatori sono più indicati perchè vanno a lavorare in modo migliore sull'emulsione valorizzando la sua particolarità.
 

AbiesAlba

Esperto
Registrato
6 Luglio 2013
Messaggi
36
Località
Mestre
Sito Web
www.facebook.com
Corpo macchina
Canon 7D + Canon EF Ultrasonic 75 - 300 mm f/5.6 + Canon EFS 18 - 55 mm stabilized + Canon EF 50 mm f/1.8 + Helios 44M - 6 58 mm f/2 MC
Sesso
Maschio
MOD: AbiesAlba, vedo che Davide è giunto puntuale a fugare i tuoi dubbi. Sei un nuovo arrivato, e prima di entrare nel merito di qualunque discussione è buona norma presentarsi alla comunità. Nell'apposita sezione non c'è nulla di tuo: provvedi ;)

Domattina provvederò :)

Tralascia quello che ti dicono in negozio e forse anche quello che ti dice la macchina :D,la miglior cosa sarebbe quella di usare un esposimetro esterno così sei sicuro di trovare delle coppie giuste.
La pellicola infrarossi necessità di un pò di pratica prima di arrivare a risultati ottimali che molto spesso sono variabili perchè purtroppo è impossibile calcolare realmente una giusta esposizione dell'IR dato che è una radiazione luminosa invisibile all'occhio umano e quindi ci dobbiamo fidare di quello che dice la macchina o un esposimetro esterno e aspettare di sviluppare.
Comunque,ti riporto le raccomandazioni per l'uso dei filtri che si trova nel bugiardino delle Efke IR (testuali):

"L'uso dei filtri giallo,arancio e rosso aiuta ad eliminare dalla ripresa il velo atmosferico e ad enfatizzare l'effetto infrarosso della pellicola,è possibile impostare l'esposimetro sul valore della sensibilità nominale e apportare le seguenti correzioni:

- GIALLO - FATTORE FILTRO DA 1,5 A 2 - SOVRAESPORRE DA 1/2 A 1 STOP
- GIALLO SCURO - FATTORE FILTRO 2 - SOVRAESPORRE 1 STOP
- ARANCIONE - FATTORE FILTRO DA 3 A 4 - SOVRAESPORRE DA 1 A 2 STOP
- ROSSO - FATTORE FILTRO DA 4 A 8 - SOVRAESPORRE DA 2 A 3 STOP
- ROSSO SCURO - FATTORE FILTRO DA 8 A 16 - SOVRAESPORRE DA 3 A 4 STOP

Per maggiore comodità è anche possibile effettuare la misurazione dell'esposizone senza filtro impostando l'esposimetro sulle seguenti sensibilità:

- GIALLO - DA 64 A 50 ISO
- GIALLO SCURO - 50 ISO
- ARANCIONE - DA 50 A 25 ISO
- ROSSO - DA 25 A 12 ISP
- ROSSO SCURO - DA 15 A 6 ISO

La Efke ha una sensibilità nominale compresa tra 100 e 200 ISo quindi è simile alla Ilford anche se offre risultati molto diversi vista la maggior sensibilità all'infrarosso (820Nm contro 740) e l'alto contenuto di argento.
Nel tuo caso devi far riferimento al filtro rosso scuro che corrisponde al classico 720Nm (Hoya R72,Cokin P007,BW 093,…).
La raccomandazione è quella di lavorare in questo modo:
- caricare e scaricare la pellicola in totale oscurità o penombra,
- cavalletto e cavo di scatto per evitare le vibrazioni visti i tempi lunghi,
- comporre lo scatto,
- applicare il filtro e scattare.
Io comunque scatto molto a mano libera,usando delle telemetro non ho il problema della composizione immagine al buio dato che vedo sempre e comunque,impostando la macchina a 400 iso (solitamente uso le rollei infrared 400) la macchina espone a circa 25 da sola e quindi i tempi di scatto sono abbastanza gestibili anche con luce non fortissima.
Devi cercare in questo caso di lavorare a priorità diaframmi perchè sarebbe opportuno lavorare tra f8 e f16 al massimo e usare tempi lunghi.
Apparte quelli fatti con la Rolleiflex la maggior parte di questi scatti sono fatti tutti a mano libera:
http://www.flickr.com/photos/frinodavide/sets/72157623483151809/
Nel tuo caso di oggi 1/125 a f16 togliendo 4 stop dovevi esporre a 1/8 f16…il fattore filtro è una cosa,gli stop di sovra o sotto esposizione un'altra.
Però,tralasciando l'esposizione penso che non usando uno sviluppo adeguato andrai a buttare tutto il lavoro fatto dato che buona parte del risultato è dovuto alla sviluppo,i laboratori che sviluppano il BN sono diventati una rarità e di solito usano un rivelatore universale che va bene per la maggior parte delle situazioni ma che non tiene conto della particolarità delle pellicole e quindi offre un risultato omogeneo.
Quando io sviluppo le mie Rollei Infrared 400 con un qualsiasi rivelatore parto dal presupposto che la pellicola è una 400 iso ma io l'ho esposta a 12 o 25 e quindi devo sviluppare di conseguenza,in più determinato rivelatori sono più indicati perchè vanno a lavorare in modo migliore sull'emulsione valorizzando la sua particolarità.

Sigh.. Non è per niente facile :dubbio:
Volevo porti i miei ultimi dubbi, cosucce che non ho capito in quello che hai detto..

- Cito due frasi:
"se la tua macchina ha un esposimetro interno TTL ti consiglio di impostarlo alla sensibilità nominale della pellicola (200 nel tuo caso) e poi far esporre a lui,altrimenti con uno esterno devi lavorare tra 3 e 1 ISO,un filtro IR come il P007 (720Nm) mediamente assorbe 8/10 stop."
"Quando io sviluppo le mie Rollei Infrared 400 con un qualsiasi rivelatore parto dal presupposto che la pellicola è una 400 iso ma io l'ho esposta a 12 o 25"
Cosa intendi per "lavorare tra 3 e 1 ISO" e "io l'ho esposta a 12 o 25"? Intendi che nonostante la sensibilità nominale della pellicola è di 200 ISO io devo impostare sulla macchina 3 o 1 ISO oppure 12 o 25?
Perdonami ma ho sentito spesso questi termini e non ho ancora ben capito :bash: per il resto sei stato molto esauriente, ti ringrazio!! :D
 
Registrato
15 Settembre 2013
Messaggi
741
Località
bientina-pisa
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
konica hexar RF
Sesso
Maschio
Io generalmente uso macchine TTL dove la lettura esposimetrica viene fatta attraverso l'obiettivo (e il filtro in questo caso) quindi impostando l'esposimetro a 400 so che la macchina esporrà tra 12 e 25 iso dato che applicherà da sola il fattore filtro.
Nel tuo caso invece,visto che la pellicola è 200 e non 400 devi togliere 1 stop e quindi da 1 a 3 iso,massimo 6…purtroppo la sensibilità delle pellicole IR è molto più suscettibile alle variazioni di luce di quelle normali e quindi devi compensare parecchio.
Nel caso invece di una lettura esterna,l'esposimetro non sa che stai usando un filtro e quindi devi compensare te l'esposizione quindi lo devi impostare alla sensibilità che ritieni più opportuna (1-3-6-12-25…dipende da quanto effetto IR vuoi ottenere e da quanto lo vuoi accentuato*)
Io uso generalmente le Rollei Infrared perchè permettono un margine di lavoro più ampio (sono 400 iso e sono meno sensibili 700-720) e quindi ti permettono anche di lavorare a mano libera o comunque con tempi di sicurezza.

* l'effetto IR oltre che dalle condizioni climatiche è accentuato dalla sensibilità ISO a cui si lavora,però per trovare quella giusta devi fare qualche prova,più sarà bassa e più l'effetto "flou" o aura sarà evidente dato che è la sovraesposizione della alte luci a crearlo di conseguenza però anche i neri saranno più chiari e quindi per trovare la strada che preferisci devi fare qualche test.
Io sono arrivato alla sensibilità 12-25 per le Rollei infrared e a quella 3-6 per le Efke dopo vari tentativi e combinazione di sviluppi.
 

AbiesAlba

Esperto
Registrato
6 Luglio 2013
Messaggi
36
Località
Mestre
Sito Web
www.facebook.com
Corpo macchina
Canon 7D + Canon EF Ultrasonic 75 - 300 mm f/5.6 + Canon EFS 18 - 55 mm stabilized + Canon EF 50 mm f/1.8 + Helios 44M - 6 58 mm f/2 MC
Sesso
Maschio
Registrato
15 Settembre 2013
Messaggi
741
Località
bientina-pisa
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
konica hexar RF
Sesso
Maschio

AbiesAlba

Esperto
Registrato
6 Luglio 2013
Messaggi
36
Località
Mestre
Sito Web
www.facebook.com
Corpo macchina
Canon 7D + Canon EF Ultrasonic 75 - 300 mm f/5.6 + Canon EFS 18 - 55 mm stabilized + Canon EF 50 mm f/1.8 + Helios 44M - 6 58 mm f/2 MC
Sesso
Maschio
Grazie mille ancora e ancora :)
 

AbiesAlba

Esperto
Registrato
6 Luglio 2013
Messaggi
36
Località
Mestre
Sito Web
www.facebook.com
Corpo macchina
Canon 7D + Canon EF Ultrasonic 75 - 300 mm f/5.6 + Canon EFS 18 - 55 mm stabilized + Canon EF 50 mm f/1.8 + Helios 44M - 6 58 mm f/2 MC
Sesso
Maschio
Dimenticavo.. Nella tabella, sotto la voce 35 mm, quelli sono i secondi in cui bisogna tenere la pellicola nella soluzione di sviluppo giusto?
Per ottenere degli scatti come questo

231641_a.jpg

è necessario eseguire del bracketing? o no? Perdonami se ti bombardo di domande, ma per me l'infrarosso è qualcosa di completamente nuovo :D
 
Registrato
15 Settembre 2013
Messaggi
741
Località
bientina-pisa
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
konica hexar RF
Sesso
Maschio
Non secondi,minuti…un caso ipotetico 1+50 andrai a lavorare così:

- soluzione 1+50 ovvero 50 parti di acqua e 1 di rodinal quindi dividi la quantità di acqua necessaria (per un 35mm di solito è 325Ml) per 51 quindi avrai circa 6,3Ml di Rodinal e il resto acqua,
- carici la pellicola nella spirale (al buio mi raccomando :D),metti dentro la tank e chiudi,
- prelavaggio abbondante per eliminare tutto lo strato anti alo,abbonda fino a quando l'acqua non diventa quasi trasparente in modo da eliminare tutto lo strato che potrebbe creare macchie sul negativo,
- metti dentro la soluzione e cominci a fare le varie agitazioni,io di solito ne faccio una continua (ribaltamenti) per il primo minuto e poi 5 ribaltamenti ogni minuto,
- passato il tempo giusto butti lo sviluppo (il rodinal è one shot) e lavi abbondantemente (3-4 minuti) per eliminare ogni traccia di sviluppo che potrebbe inquinare il fissante (quello è riutilizzabile)
- fissi per 5-6 minuti applicando i ribaltamenti come per lo sviluppo,
- lavi bene la pellicola,magari con l'ultimo risciacquo fatto con acqua denaturata e metti a sgocciolare in doccia senza asciugare la pellicola con le dita o con i tergi pellicola onde evitare di graffiare l'emulsione,nel caso all'ultimo risciacquo puoi aggiungere una goccia di sapone neutro i imbibente se ne hai.

Breaketing io di solito non ne faccio però all'inizio puoi farlo e magari ti segni su un foglietto i cambiamenti così vedi dove ottieni i risultati migliori.
 

AbiesAlba

Esperto
Registrato
6 Luglio 2013
Messaggi
36
Località
Mestre
Sito Web
www.facebook.com
Corpo macchina
Canon 7D + Canon EF Ultrasonic 75 - 300 mm f/5.6 + Canon EFS 18 - 55 mm stabilized + Canon EF 50 mm f/1.8 + Helios 44M - 6 58 mm f/2 MC
Sesso
Maschio
cosa intendi per "prelavaggio abbondante per eliminare tutto lo strato anti alo,abbonda fino a quando l'acqua non diventa quasi trasparente in modo da eliminare tutto lo strato che potrebbe creare macchie sul negativo" e "nel caso all'ultimo risciacquo puoi aggiungere una goccia di sapone neutro i imbibente se ne hai."?​
e poi, il fissatore può essere riciclato mettendolo in una bottiglia in un posto sicuro, ma per quante volte potrò usarlo ancora prima di buttarlo via?​
Grazie pure per la spiegazione dello sviluppo :D
 
Registrato
15 Settembre 2013
Messaggi
741
Località
bientina-pisa
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
konica hexar RF
Sesso
Maschio
Di fix ne prepari 1 litro o quanto ne viene con la soluzione che hai,dietro ci dovrebbero essere le misure (io uso quello ilford che è 1+4) e lo tieni in una bottiglia il più lontano possibile da luce e fonti di calore e ben chiuso,non deve prendere aria,per durata e quantità di pellicole dovresti trovare tutto scritto dietro...idem il rodinal,fai attenzione che nella boccetta non vada nemmeno una goccia d'acqua e ti duerarà 100 anni!
Per quanto riguarda il prelavaggio,di solito riempo la tank fino a metà,faccio 10 ribaltamenti e scarico l'acqua fino a quando non diventa quasi trasparente.Di solito sulle pellicole spalmano uno strato di colorante (verde,blu,grigio,nero,rosso) come filtro che però va tolto in fase di sviluppo perchè,oltre ad inquinare i chimici potrebbe pregiudicare un corretto sviluppo.
Stessa cosa vale per il lavaggio finale,per evitare che tracce di calcare o altro rimangano sul negativo una volta asciugato l'ultimo lavaggio andrebbe fatto con acqua denaturata e una goccia di imbibente (una specie di sapone neutro concentrato) ma in alternativa va bene anche una punta di sapone neutro,quest'ultimo serve a far scivolare via più velocemente tutti i reidui.
 

AbiesAlba

Esperto
Registrato
6 Luglio 2013
Messaggi
36
Località
Mestre
Sito Web
www.facebook.com
Corpo macchina
Canon 7D + Canon EF Ultrasonic 75 - 300 mm f/5.6 + Canon EFS 18 - 55 mm stabilized + Canon EF 50 mm f/1.8 + Helios 44M - 6 58 mm f/2 MC
Sesso
Maschio
Quindi intendi che una volta messa la pellicola in tank inserisco dell'acqua per fare un prelavaggio fino a quando l'acqua non diventata trasparente, svuoto tutto e poi metto la soluzione di sviluppo, giusto? ho capito bene?
 
Registrato
15 Settembre 2013
Messaggi
741
Località
bientina-pisa
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
konica hexar RF
Sesso
Maschio
No,riempi la tank più o meno per metà e fai una decina di ribaltamenti,svuoti e ripeti l'operazione fino a quando l'acqua non ti sembra abbastanza pulita e poi cominci con lo sviluppo,questa cosa bene o male vale per tutti i tipi di pellicola.
Oltre a pulire la pellicola questa operazione serve anche ad ammorbidirla in modo che la fase di sviluppo risulti più omogenea dato che la pellicola è già bagnata e non rischi di avere depositi di sviluppo tra le spire di pellicola...di solito faccio anche il primo minuto di agitazione continua proprio per prevenire questa cosa.
Per quanto riguarda l'agitazione cerca di non farla troppo energica,il Rodinal è un buon rivelatore ma non è molto fine-granulare e quindi più sei "dolce" e meno lui è aggressivo :D diciamo che i 5 ribaltamenti che faccio ogni minuto li faccio in circa 10 secondi.
 

AbiesAlba

Esperto
Registrato
6 Luglio 2013
Messaggi
36
Località
Mestre
Sito Web
www.facebook.com
Corpo macchina
Canon 7D + Canon EF Ultrasonic 75 - 300 mm f/5.6 + Canon EFS 18 - 55 mm stabilized + Canon EF 50 mm f/1.8 + Helios 44M - 6 58 mm f/2 MC
Sesso
Maschio
E per quanto tempo poi dovrò lasciare la pellicola ad asciugare in bagno? Una notte è sufficiente?
 

AbiesAlba

Esperto
Registrato
6 Luglio 2013
Messaggi
36
Località
Mestre
Sito Web
www.facebook.com
Corpo macchina
Canon 7D + Canon EF Ultrasonic 75 - 300 mm f/5.6 + Canon EFS 18 - 55 mm stabilized + Canon EF 50 mm f/1.8 + Helios 44M - 6 58 mm f/2 MC
Sesso
Maschio
Grazie molte :D Quando avrò concluso la mia prima prova pubblicherò qualche risultato!
 
Alto