Fotografare la via lattea

Pinku

GURU
Registrato
27 Marzo 2012
Messaggi
5.781
Località
Casasco d'Intelvi
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
Canon EOS 80D
Sesso
Maschio
Ciao a tutti, da oggi sono ufficialmente in ferie e vorrei dedicare questi giorni per imparare a fare foto alla via lattea, genere che non ho mai sperimentato ma che trovo molto interessante.

Ho già letto e riletto i vari consigli in merito alla tecnica e all'approccio a questo tipo di fotografia, quindi, lente grandangolare, iso alti, diaframma aperto e regola del 500/600.

Proprio riguardo questa regola ho un dubbio riguardo quello che trovo scritto in giro.

La regola del 600 (o 500 per alcuni) si usa per stabilire il tempo massimo da utilizzare per non avere le stelle mosse.
Secondo la regola bisogna prendere il nr. 600 e dividerlo per la focale utilizzata sull'obbiettivo, quindi, se sto scattando a 10mm il tempo di scatto sarà 600 : 10 = 60.

Alcuni testi aggiungono che, se si sta scattando con una APS-C bisogna anche considerare il fattore di crop, quindi, nel caso di Canon (fattore di crop = 1.6) il calcolo è:

600 : (Focale x Fattore di crop)

nel caso di prima

600 : (10 x 1.6) = 600 : 16 = 37.5

Quindi un tempo molto inferiore.

Qui nasce il mio dubbio. Perchè il fattore di crop dovrebbe influire? La lente è sempre la stessa, non cambia le proprie caratteristiche ottiche a seconda del corpo dove è montata, una lente da 18mm è sempre una lente da 18mm, è solo che su APS-C il risultato sarà croppato, tagliato.

Perchè quindi dovrei considerarlo nel calcolo del tempo massimo?

Grazie a chi chiarirà questo mio dubbio.
 

mangi

GURU
Registrato
1 Aprile 2015
Messaggi
3.108
Località
Sevegliano
Corpo macchina
canon eos 3
Sesso
Maschio
Ciao a tutti, da oggi sono ufficialmente in ferie e vorrei dedicare questi giorni per imparare a fare foto alla via lattea, genere che non ho mai sperimentato ma che trovo molto interessante.

Ho già letto e riletto i vari consigli in merito alla tecnica e all'approccio a questo tipo di fotografia, quindi, lente grandangolare, iso alti, diaframma aperto e regola del 500/600.

Proprio riguardo questa regola ho un dubbio riguardo quello che trovo scritto in giro.

La regola del 600 (o 500 per alcuni) si usa per stabilire il tempo massimo da utilizzare per non avere le stelle mosse.
Secondo la regola bisogna prendere il nr. 600 e dividerlo per la focale utilizzata sull'obbiettivo, quindi, se sto scattando a 10mm il tempo di scatto sarà 600 : 10 = 60.

Alcuni testi aggiungono che, se si sta scattando con una APS-C bisogna anche considerare il fattore di crop, quindi, nel caso di Canon (fattore di crop = 1.6) il calcolo è:

600 : (Focale x Fattore di crop)

nel caso di prima

600 : (10 x 1.6) = 600 : 16 = 37.5

Quindi un tempo molto inferiore.

Qui nasce il mio dubbio. Perchè il fattore di crop dovrebbe influire? La lente è sempre la stessa, non cambia le proprie caratteristiche ottiche a seconda del corpo dove è montata, una lente da 18mm è sempre una lente da 18mm, è solo che su APS-C il risultato sarà croppato, tagliato.

Perchè quindi dovrei considerarlo nel calcolo del tempo massimo?

Grazie a chi chiarirà questo mio dubbio.
Non vorrei dire ca..te, sono totalmente ignorante in materia di stelle.
Vado però di logica.
Se l'esposizione cambia al cambiare della focale allora è giusto tenere conto del fattore di crop.
In generale quando monti una lente 50mm su ff è come se montassi un 80 mm, cioè il tuo 50 mm si comporta come se fossa un 80mm e quindi è una focale differente.
Da qui allora è normale che se l'esposizione delle stelle varia al variare della focale, dvi tener conto anche del tipo di sensore che fa si che si modifichi la focale di una lente.
Dico Eresie??
Probabilmente è un crop in diretta che modifica l'immagine e fa si che le stelle corrano più veloce sul sensore.
 

Nomed

Autore P2L
Membro dello Staff
Registrato
25 Giugno 2011
Messaggi
4.731
Località
Sofia
Sito Web
www.carlo-orlandi.com
Corpo macchina
Canon EOS 550D
Sesso
Maschio
Ciao a tutti, da oggi sono ufficialmente in ferie e vorrei dedicare questi giorni per imparare a fare foto alla via lattea, genere che non ho mai sperimentato ma che trovo molto interessante.

Ho già letto e riletto i vari consigli in merito alla tecnica e all'approccio a questo tipo di fotografia, quindi, lente grandangolare, iso alti, diaframma aperto e regola del 500/600.

Proprio riguardo questa regola ho un dubbio riguardo quello che trovo scritto in giro.

La regola del 600 (o 500 per alcuni) si usa per stabilire il tempo massimo da utilizzare per non avere le stelle mosse.
Secondo la regola bisogna prendere il nr. 600 e dividerlo per la focale utilizzata sull'obbiettivo, quindi, se sto scattando a 10mm il tempo di scatto sarà 600 : 10 = 60.

Alcuni testi aggiungono che, se si sta scattando con una APS-C bisogna anche considerare il fattore di crop, quindi, nel caso di Canon (fattore di crop = 1.6) il calcolo è:

600 : (Focale x Fattore di crop)

nel caso di prima

600 : (10 x 1.6) = 600 : 16 = 37.5

Quindi un tempo molto inferiore.

Qui nasce il mio dubbio. Perchè il fattore di crop dovrebbe influire? La lente è sempre la stessa, non cambia le proprie caratteristiche ottiche a seconda del corpo dove è montata, una lente da 18mm è sempre una lente da 18mm, è solo che su APS-C il risultato sarà croppato, tagliato.

Perchè quindi dovrei considerarlo nel calcolo del tempo massimo?

Grazie a chi chiarirà questo mio dubbio.
Secondo me è lo stesso motivo per il quale su APS-c si usano tempi più brevi per evitare il mosso, avendo un'immagine più zoomata vedi di più il movimento delle stelle perché sono più grandi.
 

Andrea85

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
31 Luglio 2014
Messaggi
8.752
Località
Grosseto
Corpo macchina
Sony alpha a6000
Sesso
Maschio
Concordo coi commenti sopra....e comunque il miglior banco di prova é la sperimentazione su campo. Anche per me non dipende dalla focale della lente, ma dallo "zoom" che si ha sulla propria macchina.
 

Pinku

GURU
Registrato
27 Marzo 2012
Messaggi
5.781
Località
Casasco d'Intelvi
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
Canon EOS 80D
Sesso
Maschio
In generale quando monti una lente 50mm su ff è come se montassi un 80 mm, cioè il tuo 50 mm si comporta come se fossa un 80mm e quindi è una focale differente.
No, un 50mm è sempre un 50mm, il fattore di crop è riferito solo all'immagine finale che rispetto a FF è croppata.
La lente non cambia in nessun modo le sue proprietà!


Secondo me è lo stesso motivo per il quale su APS-c si usano tempi più brevi per evitare il mosso, avendo un'immagine più zoomata vedi di più il movimento delle stelle perché sono più grandi.
Questo potrebbe aver senso, effettivamente con elementi più grossi il mosso si nota di più.
Credo che tua abbia chiarito il mio dubbio. :D
 

cronos80

PRO
Registrato
25 Agosto 2014
Messaggi
583
Località
Salerno
Sito Web
www.flickr.com
Corpo macchina
Nikon D5300
Sesso
Maschio
Un leggero off-topic: ci ho provato anche io mentre ero in ferie, ma dopo pochi minuti sono dovuto scappare via a causa degli insetti, quindi munisciti di repellente adeguato.

Inviato dal mio ASUS_Z00AD utilizzando Tapatalk
 
Alto